Pubblicazioni

LIBRI PUBBLICATI

Le psicopatologie

LA PSICOLOGIA DELLE RELAZIONI BIOPSICOSOCIALI VI – Ed. Pendragon – Novembre 2018 (saggio)

Depressione, attacchi di panico, ipocondria, aggressività e persino dolore fisico resistente a qualsiasi medicinale: sono solo alcune delle forme in cui si manifestano le psicopatologie, malattie particolarmente subdole perché spesso caratterizzate da sintomi gravi e invalidanti senza che possa essere individuata una qualsiasi causa organica. Dopo aver indagato nei precedenti l’origine delle malattie psicogene e i disturbi di personalità, in questo terzo volume della collana “La mente si ammala”, Roberto Benini affronta le psicopatologie acute, fornendo una classificazione rigorosa oltre che uno strumento clinico dettagliato di diagnosi e cura. Nel trattare e descrivere questi malesseri, sempre più diffusi al nostro tempo, spesso causa di lunghi e penosi periodi di infermità, l’autore rivendica con forza un principio che spesso viene dimenticato dagli stessi medici: le persone affette da queste patologie sono malate e come tali vanno trattate.


I disturbi di personalità

LA PSICOLOGIA DELLE RELAZIONI BIOPSICOSOCIALI V – Ed. Pendragon – Ottobre 2016 (saggio)

In questo secondo volume della serie che affronta il tema cruciale del rapporto tra sofferenza della mente e conseguenti malattie psicogene, Roberto Benini si occupa delle malattie psicogene della personalità. È infatti solo studiando le patologie della personalità che si potrà comprendere quali sono gli individui più vulnerabili agli eventi della vita. Nella prima parte del saggio l’autore accompagna i lettori alla scoperta della personalità, per poi indagare le malattie psicogene che la affliggono e le angosce patologiche che ne deformano, anche gravemente, il funzionamento generale. Scopriremo che incontrare una personalità “malata” vuol dire incontrare un individuo che si rapporta con la realtà in modo altrettanto “malato”. Nell’ultima parte del libro l’autore espone i suoi studi sulla formazione delle false identità, che impediscono agli individui di conoscere, accettare e curare la propria personalità, costringendoli a una vita inconsapevolmente fasulla. Un’altra interessante tappa alla scoperta dei modi in cui la mente può ammalarsi, generando forme di disagio e sofferenza che investono anche la sfera del corpo.

La salute e la malattia BioPsicoSociali

LA PSICOLOGIA BIOPSICOSOCIALE IV – Ed. Pendragon – Agosto 2014 (saggio)

Primo di una serie di tre volumi che affrontano il tema cruciale del rapporto tra mente e corpo, in questo testo Roberto Benini illustra le possibili applicazioni di una nuova disciplina psicologica, la psicologia biopsicosociale, che considera l’essere umano come l’unione inscindibile di tre parti mentali: biologica, psicologica e sociale. Da questa teoria nasce il concetto di malattie psicopatogene, che accomuna i disturbi della personalità, i disturbi del comportamento e le malattie psicosomatiche. Secondo questa prospettiva una mente malata non fa altro che generare ulteriori malattie e condizioni morbose che aprono la strada all’attuale proliferazione di nuove forme di disagio e sofferenza.

Emozioni e lutto (ristampa)

LA PSICOLOGIA BIOPSICOSOCIALE III – Ed. Pendragon – Gennaio 2014 (saggio)

Dopo essersi dedicato allo studio delle paure nel loro significato biologico e psicologico, dei modi in cui queste possono presentarsi nelle diverse fasi della vita dell’individuo, e delle possibili strategie di risposta, con questo nuovo saggio Roberto Benini decide di affrontare un altro contenuto psicologico fondamentale: il dolore. Sentimento spesso negato, per non apparire deboli, ci richiede invece di essere vissuto ed espresso pienamente accantonando ogni pudore. Perché non esprimerlo non significa essere forti, duri, o migliori degli altri, bensì non riconoscere un bisogno naturale, privandosi della possibilità di vivere profondamente i lutti, le sconfitte, le separazioni, gli abbandoni, i rifiuti: negarsi cioè la possibilità di superare questi traumi e ritornare alla vita.

La mente biologica, psicologica e sociale

LA PSICOLOGIA BIOPSICOSOCIALE II – Ed. Pendragon – Luglio 2012 (saggio)

Partendo dall’esperienza di psicoterapeuta e dall’osservazione di numerosi casi clinici, in questo volume l’autore analizza le caratteristiche della mente, la sua struttura e il suo funzionamento, come essa si sviluppa durante l’infanzia e l’adolescenza e come i genitori “complessati” possono impedirne la corretta evoluzione minando il rapporto tra la mente stessa e i bisogni dell’essere umano. Solo una chiara decodifica dei processi mentali, infatti, permette di comprendere e curare sofferenze e traumi che determinano l’incapacità di adattarsi alla vita con cui l’uomo è costretto a misurarsi quotidianamente. Un testo che sviluppa ulteriormente la psicologia biopsicosociale, una nuova e “rivoluzionaria” teoria che suggerisce una strada non ancora percorsa nella prevenzione e nel trattamento di numerose psicopatologie.

I cinque passi

LA PSICOLOGIA INTEGRATIVA I – Ed. Pendragon – Luglio 2010 (saggio)

Nonostante le conquiste compiute dalla medicina, dalle scienze e dalla tecnologia, mai come ora l’uomo sembra vivere una condizione di sofferenza psicologica. L’aumento del benessere materiale e il costante allungamento della vita media non hanno portato a una corrispondente diminuzione delle paure esistenziali. Se l’uomo moderno continuerà a vivere nell’infantile illusione che per debellare l’angoscia sia sufficiente un farmaco, il miglioramento della propria immagine, o l’accumulo di beni di consumo, rischiamo di assistere a un ulteriore “imbarbarimento” dell’esistenza. Questo volume propone cinque semplici passi per riuscire davvero a impadronirsi della propria vita, prendersi cura di sé e affrontare le proprie molteplici angosce. Imparando a “guardarsi dentro”, per mettere sempre più in discussione comportamenti disadattivi o contro natura. Un testo in cui il rigore metodologico si sposa a una estrema semplicità e chiarezza espositiva, un valido supporto per tutti coloro che intendono intraprendere un proficuo percorso di conoscenza di sé.

La mente malata

“L’UOMO DEI BISOGNI III” – Ed. Pendragon – Ottobre 2008 (saggio)

Continua la serie di volumi “L’uomo dei bisogni” con un terzo lavoro dedicato alla scoperta delle malattie della mente e delle sofferenze psicologiche che si possono dover affrontare nel corso dell’esistenza. La malattia spaventa l’uomo forse più di qualsiasi altro evento perché ne mette a repentaglio la sicurezza biologica e psicologica e ne intacca il sentimento di onnipotenza e di immortalità. Questo è ancor più vero nel caso delle malattie della mente perché in alcune società il malato è ritenuto responsabile della propria malattia, etichettato come “diverso”, folle, immorale, infantile, privo di volontà e, per questo motivo, è allontanato dal contesto familiare e sociale. Un saggio per avvicinare i lettori alla conoscenza delle sofferenze della mente, chiarendone il significato esistenziale e indicando le modalità più corrette per curarle.

Emozioni e lutto

“L’UOMO DEI BISOGNI II” – Ed. Pendragon – Gennaio 2007 (saggio)

Dopo essersi dedicato allo studio delle paure nel loro significato biologico e psicologico, dei modi in cui queste possono presentarsi nelle diverse fasi della vita dell’individuo, e delle possibili strategie di risposta, con questo nuovo saggio Roberto Benini decide di affrontare un altro contenuto psicologico fondamentale: il dolore. Sentimento spesso negato, per non apparire deboli, ci richiede invece di essere vissuto ed espresso pienamente accantonando ogni pudore. Perché non esprimerlo non significa essere forti, duri, o migliori degli altri, bensì non riconoscere un bisogno naturale, privandosi della possibilità di vivere profondamente i lutti, le sconfitte, le separazioni, gli abbandoni, i rifiuti: negarsi cioè la possibilità di superare questi traumi e ritornare alla vita.

Angosce e paure

L’UOMO DEI BISOGNI I” – Ed. Pendragon – Marzo 2006 (saggio)

Nel corso della vita, l’uomo lotta per soddisfare i suoi bisogni fondamentali: bisogni di sicurezza fisica e psichica, di autonomia-dipendenza, di accettazione-riconoscimento, di autoaffermazione. Ma spesso la frustrazione di non averli appagati costringe la psiche e il corpo a doversi confrontare con un contenuto psichico sgradevole: l’angoscia. Pensare che vi possano essere uomini immuni dall’angoscia e dai suoi dolorosi effetti patogeni è purtroppo una chimerica illusione. Con questo saggio Roberto Benini porta un contributo reale e concreto alla conoscenza di tematiche psicologiche inerenti le diverse tipologie dell’angoscia, e al loro significato evolutivo e psicopatologico, mettendo a frutto le ricerche e le osservazioni emerse nel corso dei tanti anni di professione.

L’Identità: Personalità, Immagine e Giudice Interno

Ed. Alberti & C. Editori – Novembre 2003 (saggio)

I recessi e i limiti della personalità. La personalità come immagine-prigione che ha continuamente delle richieste. Una prigione costruita, mattone dopo mattone, utilizzando i sensi di colpa, la vergogna, la paura di essere rifiutati o abbandonati.
Questo terzo saggio, insieme a “La teoria dei bisogni della psiche” e “Personalità e Persone” conclude il percorso di ricerca sull’angoscia, analizzando in modo semplice e scorrevole, come la stessa possa influire sullo sviluppo dell’identità in età adulta.

Personalità e persone

Ed. Alberti & C. Editori – Novembre 2002 (saggio)

Il naturale seguito della mia prima ricerca ed elaborazione sul funzionamento psicologico umano: “La teoria dei bisogni della psiche”.
Dopo aver individuato in una serie di bisogni biologici e psicologici le determinanti che spingono l’uomo all’azione e alla definizione della propria esistenza, ho cercato in questo scritto di comprendere come essi vanno a delineare e a caratterizzare la nostra complessa personalità in età adulta.
Le ipotesi formulate si basano sull’osservazione del funzionamento della mia personalità , di quella dei miei pazienti e di un grande numero di persone che si sono prestate nel corso di questi ultimi 3 anni, compiendo un grande atto di generosità nei confronti di un ricercatore povero di strumenti economici e affamato di conoscenza, a rispondere ad alcune domande estremamente personali e ad altrettanti quesiti su tematiche psicologiche e sociali.

Diari di uomini nella follia

Racconti – Ed. Alberti & C. Editori – Novembre 2001 (narrativa)

Storie di uomini impegnati nell’arduo e doloroso cammino alla scoperta delle reali radici della loro sofferenza psicologica…
Attraverso i diari, coraggiosamente redatti da persone riuscite nel difficile compito di ricostruire la propria vita riscrivendo la propria storia, ci sarà concesso di immergerci nei torbidi e dolori meandri della follia.
Si può uscire dalla Follia?

 La psicoterapia in ambiente

Ed. Alberti & C. Editori – Aprile 2001 (saggio)

La psicoterapia in ambiente è una proposta innovativa che si rivolge alle persone fino a oggi escluse dai percorsi psicoterapeutici classici (deboli mentali, soggetti con disturbi psichiatrici, anziani ecc.). La flessibilità di questa tecnica permette di cambiare lo sfondo dell’intervento di cura (solitamente un asettico ambulatorio) e costringe lo psicologo ad abbandonare gli schemi di lavoro e le rigide regole apprese nelle scuole tradizionali, aprendo davanti a lui orizzonti diversi e nuove opportunità per affrontare importanti sfide terapeutiche.

La solitudine del sentire

Racconti – Ed. Alberti & C. Editori – Ottobre 2000 (narrativa)

E’ una raccolta di racconti e di riflessioni sul mondo psicologico e sulla sofferenza degli uomini.
“Mi trovo a scrivere nei momenti più impensati. Ma provo sempre emozioni molto intense.
Comprendo quanto la scrittura mi sia stata d’aiuto nel tentativo di fissare quel poco che il veloce scorrere della vita mi lascia.
Ed è incredibile come rileggendo i miei racconti e le brevi storie contenute in questo volume, scopra diversi personaggi.
Tutti i personaggi che mi appartengono e convivono in me, rispettandosi reciprocamente.”
Il libro può suddiviso in diverse parti:
“I tanti volti dell’angoscia”: rappresenta un tentativo, con l’utilizzo di racconti metaforici, di dar vita allo stato psichico che ci terrorizza.
“Riflessioni in solitudine”:sono pensieri in libertà e che si concedono di esserlo.
“La mia depressione”: narra la pesantezza di vivere in una società e con persone che richiedono costantemente di annullarti per rappresentare i loro sciocchi, farli egoistici e narcisistici stereotipi.

La teoria dei bisogni della psiche

Ed. Alberti & C. Editori – Ottobre 2000 (saggio)

La teoria nasce dalle ricerche e dalle osservazioni emerse nel corso dei miei tanti anni di professione.
Nel corso della vita, l’uomo dei bisogni, lotta e si dibatte nel tentativo di dare una totale o parziale soddisfazione alle sue significative e vitali spinte psichiche.
Il mondo dell’angoscia si apre nel momento in cui i bisogni vengono frustati.
L’esistenza può essere così divenire faticosa e sofferta.